1. Nei miei panni: storie di pazienti
  2. Tutte le storie
  3. 5 modi per capire meglio la tua depressione

5 modi per capire meglio la tua depressione

Getty Images / PeopleImages

Bryce Evans parla degli strumenti che usa per capire la sua patologia.

Nel corso degli anni ho imparato a gestire la mia depressione facendo molta introspezione e autoanalisi, grazie alle quali ho potuto capire come funzionano sia la mia mente che il mio corpo: i punti di forza, i punti deboli, propensioni, fattori scatenanti, valori e molto altro.

Ma, come immaginerete, la mia mente ansiosa non ha iniziato a fare questa autoanalisi così dal nulla.

Ci sono voluti molto lavoro e molti anni per attraversare il mondo misterioso della salute mentale e capirci qualcosa. Rispetto a come mi sentivo e a come vivevo prima, però, posso assicurarvi che lo sforzo vale la pena.

Ora che ho abbastanza esperienza dopo aver provato diverse cose, voglio condividere con voi quello che ha funzionato per me, sperando possa aiutarvi nel vostro viaggio verso una migliore gestione della vostra depressione.

Come sempre, è importante discutere questi tipi di opzioni e strumenti con il vostro medico o terapeuta. Loro possono fornirvi più informazioni e darvi suggerimenti su come crearvi il metodo giusto per i vostri bisogni.

Ecco cinque tecniche che ho utilizzato parallelamente al mio piano terapeutico per capire e gestire meglio la depressione.

Scrivere poesie o diari

La cosa più importante che ho imparato in questi anni è quanto sia fondamentale esprimere quello che sento. Sono rimasto in silenzio troppo a lungo, e questo mi ha fatto male. Più tenevo i pensieri e le preoccupazioni per me più i miei problemi si ingigantivano.

Ho sperimentato diversi tipi di scrittura, dal diario alla scrittura creativa come la poesia e la prosa, e per me questo si è rivelato un ottimo modo per liberarmi, ma anche per elaborare i miei pensieri e le mie emozioni nel momento stesso in cui li scrivevo su carta. Ho montagne di diari che ho scritto ogni giorno per anni, ed è stato un enorme aiuto per riuscire a liberarmi da ansie e stress della giornata e ripartire più leggero il giorno dopo.

Inoltre, scrivere è semplice, veloce e facile da fare: anche solo una pagina al giorno può fare un’enorme differenza quando viene fatto costantemente nel tempo. Non pensate, scrivete e basta.

A volte ho scritto delle cose e poi bruciato le pagine, come processo catartico (se ci provate, fatelo in sicurezza). Il grande vantaggio di scrivere poesie o diari (se non li bruciate) è che potete rileggere i vostri pensieri di settimane, mesi o anni addietro da una prospettiva diversa, capendo quanta strada avete fatto da allora.

Terapia

In un momento caotico della mia vita in cui relazioni, finanze e lavoro mi causavano ansia e confusione, sono andato in terapia da uno psicologo. Un’esperienza divertente, vero?

Avere un professionista che mi ascoltava, mi poneva le domande giuste e mi dava uno spazio sicuro e confidenziale in cui capire la mia situazione, è stato fondamentale. A volte, così come la scrittura, dire le cose a voce alta dà nuove prospettive e fa capire meglio contro cosa state lottando, e un terapeuta può aiutarvi e guidarvi in questo.

Oltre ad ascoltare, i terapeuti e i professionisti di salute mentale sono preparati per aiutarvi ad affrontare queste sfide, e possono fornirvi altri strumenti per aiutarvi a gestire la situazione.

Fotografia

Uno dei grandi problemi che ho incontrato quando ho voluto iniziare a parlare della mia depressione e della mia ansia è stato sentirmi come se non avessi le parole per descriverle nel modo giusto. Oltre allo stigma, i complicati sintomi fisici e mentali e i miei pensieri ansiosi, è stato molto difficile dire alcune cose a voce alta. Ed ecco come mi ha aiutato la fotografia, una forma non verbale di comunicazione e un modo per me di esprimere quello che stavo passando.

Il primo modo con cui ho iniziato a parlare della mia storia è stato scattando fotografie che si sono trasformate poi in un vero e proprio progetto.

Può essere molto catartico condividere i propri pensieri e sentimenti con una foto, soprattutto quando qualcun altro può rispecchiarcisi, o arriva persino a ringraziarti per il tuo lavoro. Condividere in questo modo mette uno spazio in più tra me e la mia storia (le persone possono interpretarla a loro modo) e, come la scrittura, la fotografia è un altro modo di avere momenti che puoi rivedere e su cui puoi riflettere in seguito.

La parte migliore è che le vostre foto non devono essere fatte bene o belle, non dovete avere una fotocamera professionale (usate il telefono!) e non dovete essere fotografi per farlo. Sta tutto nella pratica.

Disegno e arti visive

Elaborare le emozioni o un trauma può essere complicato, e dalla mia esperienza, richiede anche l’attivazione di diverse parti della mente e del corpo. Le pratiche visive o fisiche come disegnare, dipingere o altre arti visive possono aiutarvi.

Provate a disegnare come vi fa sentire la depressione. Chi siete quando siete depressi? Com’eravate prima della depressione?

Disegnare schizzi o creare arte su argomenti come questo mi hanno aiutato ad approfondire parti di me che non conoscevo. Molte volte posso scoprire di più durante il processo creativo che dal risultato finale.

Proprio come con la fotografia, non dovete essere artisti: pensate solo a creare arte!

Unirsi a un gruppo di ascolto

Penso sia importante circondarsi di un gruppo di persone che vi capiscano e possano supportarvi durante il vostro percorso, soprattutto in una struttura che organizza incontri regolari.

Ho preso parte a diversi gruppi ogni settimana, e in ogni momento della mia vita e della mia lotta alla depressione, sentirmi connesso a questi gruppi era una svolta. Era confortante sapere che qualsiasi cosa succedesse durante la settimana, avrei potuto parlarne al gruppo e ricevere prospettive diverse, consigli, o semplicemente qualcuno che mi ascoltasse. Anche ascoltare le storie o le esperienze degli altri mi aiutava molto.

I gruppi operano diversamente e può volerci del tempo per trovare quello giusto per voi. Parlate con il vostro medico o terapeuta di cosa vorreste trovare in un gruppo: potrebbero suggerirvi delle soluzioni disponibili nella zona in cui vivete.

Per riassumere

Ovunque vi troviate nel vostro percorso, esistono sempre modi per capire e gestire meglio la vostra salute mentale.

Voi siete il progetto più importante della vostra vita. Lo sforzo vale la pena.

Per maggiori informazioni su come gestire la depressione, parlatene con il vostro medico.

Bryce Evans

Questo articolo è:

Condividi questa pagina:


Potrebbe piacerti…