1. Nei miei panni: storie di pazienti
  2. Tutte le storie
  3. Come parlare al tuo partner della tua emicrania

Come parlare al tuo partner della tua emicrania

Getty Images / Pekic

Scritto da Sarah Rathsack

Convivere con l'emicrania è difficile. Infatti, non solo colpisce te, ma anche i tuoi cari.

Gestire l'emicrania è una battaglia che è meglio combattere insieme, ma è difficile farlo senza conversazioni aperte, oneste e continue con il proprio partner.

Combatto contro l'emicrania da quando ero piccola. Mio marito ed io ne abbiamo parlato prima di sposarci e, 11 anni dopo, ancora ne parliamo apertamente.

Negli ultimi 11 anni, la mia emicrania è passata da episodica a cronica. Soffro di emicrania per più di 15 giorni al mese. Siccome la mia patologia è cambiata, è cambiato anche il rapporto che io e mio marito abbiamo con lei e il rapporto tra di noi.

Mio marito è il mio migliore amico, la mia anima gemella e il mio guerriero contro l'emicrania. Lavoriamo come una squadra, ma imparare a far fronte all'emicrania è un lavoro continuo.

Ecco alcuni suggerimenti per parlare al tuo partner della tua emicrania.

Sii il più positivo possibile

L'emicrania può causare sbalzi d'umore. Chi non sarebbe lunatico in una situazione del genere? Cerco di essere più consapevole quando parlo con mio marito in modo da non offendere i suoi sentimenti, senza dire cose dettate dal dolore o insistendo sugli aspetti negativi.

È difficile essere positivi quando ti senti vulnerabile. Essere vulnerabili può portare lacrime, frustrazione e altri sentimenti negativi. Ma va bene sentire queste cose ed esprimerle al tuo partner.

Parlare onestamente permette a mio marito di comprendere il mio punto di vista e di considerare i miei sentimenti, altrimenti non capirebbe cosa provo.

Per questo, discutiamo di come possiamo migliorare le cose. Qual è il più grande fattore di stress e come possiamo, come squadra, lavorare per ridurre il suo impatto su di noi? Il più grande fattore di stress potrebbe non essere facile da risolvere, ma affrontarlo gradualmente può aiutare.

Evita di incolpare l'altro

So che la mia emicrania può avere un forte impatto anche su mio marito, e ho imparato a comprenderlo e accettarlo. L'emicrania infatti non influisce solo sulla mia vita, ma anche sulla sua.

Incoraggio mio marito a dirmi come si sente rispetto alla mia condizione e come questa lo stia influenzando. Discutiamo su come poter migliorare le cose per lui, senza incolparmi per questa situazione.

Infatti è inutile dare la colpa a qualcuno. Ho imparato a non strafare per compensare le mancanze o sacrificare i miei bisogni per placare il senso di colpa che provo per via del fatto che soffro di emicrania. Se mio marito mi propone attività che non posso affrontare, dico di no, e sia io che lui capiamo che ho bisogno di investire le mie energie per combattere l’attacco di emicrania di cui sto soffrendo.

Cerca informazioni

Ci sono molte risorse che forniscono informazioni sull'emicrania e spiegano come si convive con questa patologia.

Cerco informazioni sull’emicrania per saperne di più e le condivido con mio marito. Gli invio articoli rilevanti, articoli su blog e post sui social media per spiegare come mi sento o per fare riferimento a una conversazione che abbiamo avuto in merito alla mia patologia.

È importante capire che mio marito lotta insieme a me contro l’emicrania, e che non solo sola. Informarmi sulle esperienze di altre persone che soffrono di emicrania e cercare altre risorse informative mi aiuta a chiarirmi le idee e a sfatare alcuni miti sulla patologia.

Mio marito ed io impariamo strada facendo. Se è disponibile, viene con me agli appuntamenti dal dottore. Se non lo è, gli racconto com’è andata la visita e quali saranno i prossimi approcci di cura.

Fargli capire la mia terapia lo aiuta a comprendere meglio come aiutarmi nel gestire i miei sintomi. Entrambi facciamo domande ed entrambi ascoltiamo per ricevere le indicazioni più adeguate.

Apprezza le piccole cose

Il nostro stile di vita è in qualche modo dettato dall'emicrania, quindi apprezziamo le piccole cose quotidiane.

Quando non possiamo andare a cena e al cinema, ordiniamo a casa e noleggiamo un film. Sono grata per tutto il tempo che passo con mio marito!

Affronta le discussioni importanti quando non hai un attacco di emicrania

È meglio non affrontare discussioni importanti e complicate durante un attacco di emicrania, o in prossimità dell'inizio e della fine.

Il senso di annebbiamento e gli sbalzi di umore aumentano notevolmente, quindi è meglio trovare un altro momento per discutere che vada bene sia emotivamente che fisicamente per entrambi nella coppia. Ascoltare davvero la frustrazione e i bisogni reciproci aiuterà ad evitare risentimento e confusione.

Per riassumere

Ogni relazione è diversa, ogni emicrania è diversa ed ogni emicrania ha un impatto diverso sulla relazione. Essere onesti ma gentili è la strada migliore. Ricorda che nessuno sceglie di avere l'emicrania.

Poiché l'emicrania cambia nel tempo, così dovrebbero cambiare la tua vita, le tue aspettative e il modo in cui ti confronti. Tu e il tuo partner lavorate sempre insieme come una squadra!

Proprio come l'emicrania, la vita di coppia è un viaggio, e i viaggi più belli e più impegnativi vengono affrontati e vissuti insieme.

Questo articolo è:

Condividi questa pagina:


Potrebbe piacerti…

L’attività fisica può aiutare a ridurre i sintomi dell’ansia?

Articolo di Claire Eastham
Leggi di più